In offerta!

IL MARE NON E’ MAI LO STESSO

13,90 11,82

Giovanni Porzio è uno dei migliori reporter italiani e un appassionato velista.Dopo tanti servizi realizzati sulle pagine del Giornale della Vela, abbiamo raccolto in un libro i suoi reportage in mare. Ne “Il mare non è mai lo stesso”, Giovanni ci accompagna alla scoperta delle contraddizioni delle coste meridionali d’Italia, puntando poi Sardegna e Tunisia, ma facendoci anche sognare lungo i fiordi del Grande Nord, tra le isole Svalbard e l’arcipelago delle Orcadi.

ECCO COME GIOVANNI PORZIO STESSO DESCRIVE QUESTO LIBRO
“Quando mollo gli ormeggi il distacco è netto, assoluto. Il mondo terrestre è subito lontano, irrilevante di fronte all’urgenza dei venti, al movimento delle onde, al tracciato della rotta. Ogni traversata è una sfida e ogni approdo è una scoperta. Il mare, come il deserto, non è mai lo stesso. E affrontarlo non è sempre facile. Ma in nessun altro luogo, se non forse in vetta alle più alte montagne, ci si sente così perdutamente liberi, immersi negli elementi primordiali della natura, dove ogni gesto diventa essenziale e ogni parola riacquista significato.

La barca è anche lo spazio dei miei affetti, e dopo quasi 40 anni di navigazioni, dei miei ricordi più belli. Ho ereditato la prima barca da mio padre. I miei figli sono cresciuti nel pozzetto, un’estate dopo l’altra, da neonati a esperti marinai: persino ora che sono grandi e vivono le loro vite s’imbarcano ogni anno, immancabilmente, per navigare insieme. Di questo, e di tanto altro, sono debitore al mare.
Questo libro è un giornale di bordo che raccoglie gli articoli scritti in questi anni per il Giornale della Vela e racconta il mio modo di vivere la barca, dalle coste italiane alle isole del Mediterraneo sino ai ghiacci del circolo polare artico”.

Disponibile

Descrizione

Giovanni Porzio è uno dei migliori reporter italiani e un appassionato velista.Dopo tanti servizi realizzati sulle pagine del Giornale della Vela, abbiamo raccolto in un libro i suoi reportage in mare. Ne “Il mare non è mai lo stesso”, Giovanni ci accompagna alla scoperta delle contraddizioni delle coste meridionali d’Italia, puntando poi Sardegna e Tunisia, ma facendoci anche sognare lungo i fiordi del Grande Nord, tra le isole Svalbard e l’arcipelago delle Orcadi.

ECCO COME GIOVANNI PORZIO STESSO DESCRIVE QUESTO LIBRO
“Quando mollo gli ormeggi il distacco è netto, assoluto. Il mondo terrestre è subito lontano, irrilevante di fronte all’urgenza dei venti, al movimento delle onde, al tracciato della rotta. Ogni traversata è una sfida e ogni approdo è una scoperta. Il mare, come il deserto, non è mai lo stesso. E affrontarlo non è sempre facile. Ma in nessun altro luogo, se non forse in vetta alle più alte montagne, ci si sente così perdutamente liberi, immersi negli elementi primordiali della natura, dove ogni gesto diventa essenziale e ogni parola riacquista significato.

La barca è anche lo spazio dei miei affetti, e dopo quasi 40 anni di navigazioni, dei miei ricordi più belli. Ho ereditato la prima barca da mio padre. I miei figli sono cresciuti nel pozzetto, un’estate dopo l’altra, da neonati a esperti marinai: persino ora che sono grandi e vivono le loro vite s’imbarcano ogni anno, immancabilmente, per navigare insieme. Di questo, e di tanto altro, sono debitore al mare.
Questo libro è un giornale di bordo che raccoglie gli articoli scritti in questi anni per il Giornale della Vela e racconta il mio modo di vivere la barca, dalle coste italiane alle isole del Mediterraneo sino ai ghiacci del circolo polare artico”.

Ti potrebbe interessare…